Da Hegel a Marx. La concezione materialistica della storia by Mario Rossi

By Mario Rossi

Show description

Read or Download Da Hegel a Marx. La concezione materialistica della storia PDF

Best italian books

Sistema di logica come teoria del conoscere

Excerpt from Sistema di Logica Come Teoria del Conoscere, Vol. 1 of 2Di questo libro fu pubblicato nel 1917 il primo quantity, nato da un corso di lezioni tenuto quell'anno nell'università, di Pisa; e l'anno dopo si dovette ristam pare prima che il secondo quantity fosse pronto, poichè intanto io avevo cambiato università e materia d'inse gnamento, e altre therapy mi distraevano da questo lavoro.

Additional info for Da Hegel a Marx. La concezione materialistica della storia

Example text

Si può calcolare il rischio di morte con la scala di Duckworth, ideata dal dottor Frank Duckworth, direttore del mensile della Royal Statistical Society. Tale scala misura la probabilità di morire come esito di una data attività. Il tipo di attività più sicura totalizza zero punti, 8 punti significa morte certa. Una mano alla roulette russa comporta un rischio di 7,2 punti. Vent'anni di scalate si impone con 6,3 punti. Le possibilità che ha un individuo di sesso maschile di essere ucciso totalizzano 4,6.

Nessuno dei due piange quando attacca e uccide. Le lacrime di coccodrillo sono un mito nato dai racconti dei viaggiatori medievale. Sir John Mandeville, nel 1356, scriveva: «In quella regione, come in tutta l'India, c'è una grande quantità di coccodrilli, i quali […] sono una specie di lunghi serpenti. […] Questi rettili uccidono l'uomo, e se lo mangiano piangendo». È ovvio che i coccodrilli hanno i condotti lacrimali, ma li svuotano direttamente in bocca, perciò all'esterno non si vede nemmeno una lacrima.

Le perovskiti sono una famiglia di minerali che prendono il nome dal mineralogista russo che le scoprì nel 1839, il conte Lev Perovski. Potrebbero dimostrarsi il Santo Graal della ricerca sui superconduttori, quei materiali che possono condurre l'elettricità senza resistività a temperature normali. Significherebbe trasformare in realtà un mondo di treni «galleggianti» e di computer inimmaginabilmente veloci. Al momento, i superconduttori funzionano soltanto a temperature inutili perché troppo basse (la migliore, finora, sono -135 gradi centigradi).

Download PDF sample

Rated 4.21 of 5 – based on 41 votes