La monarchia delle due sicilie tra Ancien Régime e by Giuseppe Nuzzo

By Giuseppe Nuzzo

According to un giudizio sulla politica napoletana negli ultimi decenni del Settecento occorre, a nostro avviso, fissare alcuni punti fermi che valgano a rimuovere altrettanti ¿dola attardatisi nella vicenda storiografica di oltre un secolo e mezzo.
Primo: fragilità del concetto che l. a. spinta innovatrice si sia andata esaurendo, nel Mezzogiorno d ’Italia, già nel decennio 1780-1790, quasi nel presentimento della frattura, non più sanata, tra governo e intelli­genza del paese, al solo annunzio (affermazione gratuita anche questa) dei primi torbidi francesi; secondo: leggenda di un orientamento anglo­filo, assurto addirittura a motivo ispiratore dei rapporti internazionali e venuto vieppiù a impoverire, col ministro Acton, l’autonomia del Regno, già compromessa da una non larvata soggezione agli interessi dei Lorena,per opera della giovane e impetuosa regina, portatrice da Vienna del programma di rialzare le sorti del non spento partito austriaco in corte; terzo: mito di un imperialismo Acton-M. Carolina, e perciò di evidente marca straniera, proporzionato alla possibilità del paese, in antitesi anzi con i suoi più concreti interessi; 4to: conseguente esigenza di un ulteriore e più avveduto lavoro di scavo a partire almeno dagli anni ottan­ta, according to una esatta collocazione della politica estera nel programma di rinnovamento del Regno: di una revisione insomma dei giudizi ancor oggi correnti sui rapporti tra governo e paese e tra il Mezzogiorno d ’Italia e il circostante mondo europeo.

Show description