Carta straccia: il potere inutile dei giornalisti italiani by Giampaolo Pansa

By Giampaolo Pansa

Show description

Read Online or Download Carta straccia: il potere inutile dei giornalisti italiani PDF

Similar italian books

Sistema di logica come teoria del conoscere

Excerpt from Sistema di Logica Come Teoria del Conoscere, Vol. 1 of 2Di questo libro fu pubblicato nel 1917 il primo quantity, nato da un corso di lezioni tenuto quell'anno nell'università, di Pisa; e l'anno dopo si dovette ristam pare prima che il secondo quantity fosse pronto, poichè intanto io avevo cambiato università e materia d'inse gnamento, e altre treatment mi distraevano da questo lavoro.

Extra resources for Carta straccia: il potere inutile dei giornalisti italiani

Example text

In compenso, era il sottoscritto quello da bastonare perché avevo osato criticare il santuario delle Botteghe oscure. E le eccellenze che campavano lì dentro. Il giorno dopo l'uscita del mio commento, "l'Unità" andò all'assalto con una nota intitolata, alla sovietica: L'eccezione e la regola (a proposito dell'attacco anticomunista dopo l'infortunio dell'Unita), A scriverlo ci aveva pensato Adalberto Minucci, un santone della stampa comunista, che l'anno successivo sarebbe stato eletto deputato.

Molti anni dopo, quando ero uno dei suoi giornalisti praticanti, una sera mi disse: «La linea della "Stampa" è quella del Partito d'azione». Mi sembrò un'affermazione bizzarra, anche perché quel partito era scomparso da tempo. Forse Gidibì mi aveva buttato lì quel giudizio perché sapeva che il mio sponsor per l'assunzione al giornale era stato Alessandro Galante Garrone. Uno dei suoi opinionisti più ascoltati che nella Resistenza aveva militato in Giustizia e libertà, la struttura militare del PdA.

A parlare fu il capogruppo, Giorgio Napolitano. Lui si scusò con i due democristiani coinvolti senza motivo nell'affare Grillo: «Onorevole Scotti, senatore Patriarca, vi esprimo il sincero rincrescimento del gruppo comunista e il mio personale». Ma Napolitano non si limitò a questo. Mezzo mondo sapeva che era il leader dell'ala destra del Pci, quella migliorista, sempre in conflitto con la linea di Berlinguer. E quel giorno alla Camera, "re Umberto", come lo chiamavano gli avversari interni, disse parole che molti interpretarono come un'accusa rivolta all'atteggiamento aggressivo del Bottegone nei confronti della DC.

Download PDF sample

Rated 4.04 of 5 – based on 40 votes